Le opportunità della democrazia diretta nella presentazione del libro di Lisi

La presentazione del libro di Giacomo Lisi alla Libreria Gilgamesh venerdì 20 ottobre ha proposto un viaggio tra i modelli democratici dalle origini ai giorni nostri e sull’attualità del vuoto politico del nostro tempo.

Si è parlato dei limiti, dei rischi e delle nuove opportunità fornite dalla democrazia diretta, di fronte alla crisi sempre più profonda della rappresentanza. Una crisi dovuta allo scollamento fra politica ed elettori/deleganti, il cui risultato genera un’astensione sempre crescente. E’ stato così anche a Taranto con le ultime amministrative che hanno sancito l’elezione del Sindaco con poco più del 15% dell’elettorato.

In questo primo dei due incontri conclusivi della campagna “Decide la Città”, l’autore Giacomo Lisi ci ha introdotto al tema della democrazia diretta illustrando l’organizzazione delle forme di Governo avutesi nella storia, con particolare riferimento all’esperienza democratica primordiale di Atene del VI sec. a.C.. La serata è stata l’occasione per fare delle riflessioni sui fallimenti attuali della democrazia rappresentativa e sulla conseguente necessità di ricreare i presupposti per una più ampia partecipazione delle persone ai processi decisionali. Porre per esempio mano a meccanismi in grado di agevolare la conoscenza delle questioni in campo e la formazione di un’opinione, fino alla possibilità di decidere direttamente – magari con l’ausilio della tecnologia – assumendosi le responsabilità che da esse derivano. Una partecipazione che non mancherebbe di suscitare maggiore interesse per la politica, vista la possibilità di incidere direttamente sulle decisioni che riguardano la qualità della vita di ciascuno a tutti i livelli decisionali. Venerdì prossimo approfondiremo quello municipale nella tavola rotonda “TARANTO E I PROCESSI DECISIONALI. Democrazia diretta, Partecipazione, Municipalismo“.

Approfondimenti: