Report assemblea 16/5/2017: “Cosa pretedendere dalla nuova amministrazione municipale?”

Martedì 16 Maggio ci siamo incontrati nuovamente in Piazza Garibaldi, dopo il lavoro svolto per mesi in giro per i quartieri della città.
– L’assemblea ha avuto inizio con alcuni aggiornamenti circa alcune tematiche trattate nei mesi precedenti:
1) la reiterata e continua mancata attuazione del Piano Coste, abbondantemente oltre i termini stabiliti per legge, sulla quale valutare l’iniziativa di un esposto pubblico;
2) l’iter della Legge regionale per Taranto istituita dalla Regione Puglia, sulla quale gravano ancora l’assenza di confronti pubblici e presunte notizie di gestione privatista e poco trasparente del suo percorso realizzativo. In merito a questo argomento si darà ulteriore aggiornamento a mezzo stampa.
– Successivamente, partendo dall’analisi dei risultati emersi dalla campagna di ascolto dei bisogni “Decide la Città” e dalla raccolta di proposte nel “Programma delle abitanti e degli abitanti“, abbiamo provato ad individuare la priorità da porre al centro del dibattito pubblico in queste ultime settimane di campagna elettorale a Taranto: una presa di parola sulla restrizione degli spazi di democrazia reale.
Su questo tema proveremo ad incalzare chi si candida alla guida dell’amministrazione municipale e i nuovi amministratori.
Dal contratto istituzionale di sviluppo ai decreti governativi, dal commissariamento sulle bonifiche alla partecipazione aperta e consapevole ai processi decisionali, dalla trasparenza degli atti amministrativi al ruolo dei beni comuni, e tanto altro ancora.
Nei prossimi giorni si riunirà il gruppo di lavoro “decide la città” per provare a definire la strategia migliore per contribuire a tenere immediatamente accesi i riflettori su questa tematica ed avviare dopo le elezioni un lavoro di pressione verso la nuova amministrazione.
Si è deciso di strutturare un altro appuntamento pubblico anticipatamente al primo turno elettorale, che verrà stabilito di qui a breve.
– Infine si è fatto aggiornamento sulle mobilitazioni in corso contro l’arrivo dei G7 in Italia, oltre che al meeting internazionale sul Neo-Municipalismo Fearless cities convocato a Barcellona da “Barcelona en Comù” ad inizio Giugno e al quale parteciperà anche Tutta Mia La Città.