Oltreilfatto.it, “Tuttamialacittà: un modello per Taranto”

da Oltreilfatto.it del 16 gennaio 2017 – di Francesco Ruggieri

http://www.oltreilfatto.it/index.php?option=com_content&view=article&id=3126:tuttamialacitta-un-modello-per-taranto&catid=131,149:politica-locale&Itemid=800

Conferenza stampa per presentare il progetto; il 19 gennaio assemblea pubblica

Ernesto Voccoli, Massimo Ruggieri e Sara Mastrobuono, sabato scorso hanno presentato agli organi di informazione il progetto del movimento di cittadini “Tuttamialacittà” (https://www.facebook.com/tuttamialacittaTaranto/?fref=ts). Un progetto che intende presentare un modello di città per Taranto che, nato dall’ascolto dei cittadini, verrà presentato a coloro i quali si propongono di governare la città nei prosismi anni. Nessuna candidatura diretta, solo un impegno concreto da parte di un gruppo ci cittadini di varia estrazione culturale e politica. “Taranto è di chi la abita” e, ancora l’hashtag #DecideLaCittà sintetizzano pienamente l’idea di fondo che motiva il gruppo. (foto da sx Mastrobuono/Ruggieri/Voccoli)

Sul sito leggiamo:

Tuttamialacittà è un’esperienza politica e diretta di democrazia reale, nata nel maggio del 2016, che ha animato le piazze di Taranto per provare a rispondere all’emergenza democratica di decreti e commissariamenti governativi attuati a danno delle tarantine e dei tarantini. Nel corso delle assemblee pubbliche tanti sono stati i temi affrontati: diritti negati, riconversione economica, giustizia ambientale, urbanistica, spazi sociali, economia del mare, riconversione culturale. Nel corso delle settimane tante sono state le mobilitazioni e le denunce fatte: quella contro l’arrivo del premier Renzi, per la sicurezza nei luoghi di lavoro ricordando la morte del giovane operaio Giacomo Campo, lo scempio della malagestione e abbandono del Circolo Magna Grecia, un esposto su mancato avviso di “wind days” alla popolazione, una petizione con quasi millecinquecento firme consegnate al Prefetto di Taranto con istanze urgenti per la bonifica e la riconversione del territorio, il sostegno al NO al Referendum Costituzionale, l’incontro propositivo con la direttrice del MArTa per avvicinare il Museo alla città.
Nel corso delle ultime assemblee ci si è anche interrogati su come attraversare le elezioni amministrative della prossima primavera a Taranto. Tre incontri pubblici avutisi fra ottobre e dicembre nei quali ci si è confrontati apertamente sul tema del rapporto tra democrazia, partecipazione e forme della rappresentanza politica, invitando a dare un contributo altre esperienze virtuose d’Italia e d’Europa, quali quelle di Grottaglie con l’esperienza del Sindaco Ciro D’Alò, di Massa Critica a Napoli e Barcelona en Comú in Catalunya; realtà civiche che hanno operato, nei rispettivi territori, approcci diversi riguardo al delicato tema delle elezioni.
Le riflessioni scaturite hanno portato a condividere la necessità di entrare nella competizione elettorale ma senza candidarsi, proseguendo quel percorso di democrazia diretta volto a presidiare e sorvegliare le decisioni e le pratiche delle amministrazioni locali.
Per questo rilanciamo l’azione cittadina e proponiamo di qui alla tornata amministrativa un percorso pubblico partecipato di ascolto dei bisogni e di confronto sulle proposte tra chi abita le zone della città e tutte le forze sane che si terranno fuori dalla competizione elettorale, per la stesura di un programma delle/ degli abitanti che abbia come aree tematiche il superamento industriale, la giustizia ambientale e la giustizia sociale, la riconversione economica e la democrazia.
Affronteremo in maniera pubblica i temi del cambiamento per un’altra Taranto possibile sottoponendo al nuovo Sindaco e alle forze politiche che si candideranno ad amministrare la città, ed in linea con i valori illustrati, il “Programma delle abitanti e degli abitanti”.
Per continuare nell’opera di ascolto delle esigenze e delle proposte che proseguirà in tutti i quartieri di Taranto, a partire da fine gennaio prenderà vita la campagna “Decide la città”, proprio per sottolineare l’assoluta necessità di ridare voce agli abitanti di una città che ha grande voglia di riscattarsi, come dimostrato dalla straordinaria partecipazione alla consultazione referendaria dello scorso 4 dicembre.
In tutto ciò auspicando vivamente che all’appuntamento elettorale Taranto possa trovare a rappresentarla forze in grado di interpretare quest’impeto di cambiamento, desiderio di partecipazione e democrazia reale.
La campagna “Decide la città” partirà giovedì 19 gennaio alle 18.30 con un’assemblea pubblica preliminare.
Appuntamento presso la struttura dell’ArcheoTower del Parco delle Mura Greche.
ASSEMBLEA PUBBLICA PRELIMINARE
“ELEZIONI AMMINISTRATIVE TARANTO 2017. DECIDE LA CITTÀ! “Un percorso per costruire insieme un programma delle abitanti e degli abitanti per sottoporlo a candidati e nuova/o Sindaca/o, proposto in 3 tappe:

1) Una campagna itinerante per i quartieri per ascoltare bisogni e metterli in relazione con delle proposte politiche in base a 4 aree tematiche:

– Giustizia sociale
– Giustizia ambientale
– Democrazia radicale
– Riconversione economica

2) Un confronto di piazza con i candidati sindaco in linea con i valori del percorso e sui temi del programma

3) Un confronto di piazza con la nuova/il nuovo Sindaca/o per la consegna del programma

Se vuoi organizzarti per essere parte attiva, se vuoi suggerire o modificare qualcosa, se vuoi partecipare a questo percorso che metterà insieme ascolto dei bisogni nei quartieri e proposte politiche per un’altra Taranto possibile, non mancare e mettiamoci in gioco per la nostra città!

Alla piena emergenza democratica a cui è sottoposto il nostro territorio si risponde solo in modo alternativo e contrario: Democrazia radicale e autogoverno!

#DecideLaCittà
#Taranto2017