Pressione sul governo per i fondi FEG

Occorre che il Comune eserciti ed organizzi una forte pressione sul Governo, anche tramite la Regione, affinché lo stato di Taranto di “area in situazione di crisi industriale complessa” dichiarato dal Ministero dello Sviluppo Economico nel 2012, trovi concreta applicazione presso la Comunità Europea, aprendo i relativi canali di finanziamento previsti in merito. Ad ora questo non è stato fatto, benché i fondi previsti siano di estrema utilità ed importanza. Fra questi quelli per la riconversione e ricollocazione professionale degli operai e dei lavoratori dell’Ilva (per approfondire l’argomento clicca QUI).

Prevedere l’istituzionalizzazione di corsi professionali abilitanti presso le scuole secondarie.