Avvio dell’AGROMED

Come la Distripark S.c.a.r.l., anche la Agromed A.r.l. è una società consortile partecipata da Comune, Provincia e Camera di Commercio di Taranto creata nel . L’insediamento consiste in un grosso centro all’ingrosso per la conservazione, trasformazione e distribuzione di frutta e ortaggi freschi. Per tale progetto – la cui presidenza è nelle mani del Presidente della Camera di Commercio ionica – furono accantonati 10 milioni di euro, tutt’ora inutilizzati. All’origine dell’incompiuta pare esserci la mancanza di uno spazio adeguato in cui insediarlo.

In particolare la delibera Cipe numero 155/2000 aveva stanziato oltre 9,2 milioni di euro già nel 2005, quando nacque la società consortile. [1]La Camera di Commercio di Taranto aveva già eseguito studi in grado di dimostrare la valenza dell’investimento e previsto l’adesione di due produttori e due fornitori di servizi, nazionali ed internazionali. La prossimità dei luoghi previsti per l’insediamento al nuovo mercato ortofrutticolo di Taranto è un assoluto punto di forza del progetto. L’area si sarebbe dovuta collocare all’interno delle aree Distripark per complessivi 751.000 mq di superficie, di cui 162.000 da dedicare ad Agromed. Consta nella realizzazione di magazzini refrigerati coperti e scoperti per 35.000 mq, celle frigorifere per 600 mq e 5.000 mq di movimentazione. Il progetto va ripreso e portato a compimento, aggiornando l’analisi di mercato a riguardo e conseguente business plan. In questo modo il porto di Taranto potrebbe ergersi a porto di riferimento per la lavorazione e trasformazione dei prodotti freschi per tutto il Mezzogiorno del Paese e parte del Mediterraneo, con grosse possibilità di espansione ed occupazione.

[1] Si veda l’analisi preliminare “La piattaforma Agromed a Taranto” di Claudia Senesi, della Camera di Commercio di Taranto,www.ciseonweb.it/download/Relazione:%20la%20piattaforma%20Agromed%20a%20Taranto.PDF?chk=5t9a46i867&DWN=1941